Privacy Policy

Valutazione Rischio Rumore

La valutazione rischio rumore o fonometria, è la rilevazione dei rumori all’interno degli ambienti di lavoro, per accertarsi che l’esposizione al rumore da parte dei lavoratori resti entro i limiti di sicurezza definiti dalla normativa.

L’art. 190 del D.Lgs. 81/2008 impone al datore di lavoro l’obbligo di effettuare una valutazione del rumore all’interno della propria azienda, al fine di individuare i lavoratori esposti al rischio rumore ed attuare gli appropriati interventi di prevenzione e protezione della salute.

La valutazione rischio rumore è richiesta in tutte le aziende, indipendentemente dal settore produttivo, nelle quali siano presenti lavoratori subordinati o equiparati ad essi. La valutazione deve essere effettuata da un tecnico qualificato. Nei casi in cui non si possa fondatamente escludere che siano superati i valori inferiori di azione (LEX>80 dB(A) o Lpicco,C > 135 dB(C)) la valutazione deve prevedere misurazioni effettuate con strumentazione adeguata (fonometro), secondo le appropriate norme tecniche (UNI EN ISO 9612:2011 e UNI 9432:2011).

La valutazione rischio rumore deve confluire nel più generale Documento di Valutazione dei Rischi. La valutazione dell’esposizione a rumore, come indicato nel Testo Unico, deve essere aggiornata ogni 4 anni.
 

 
Il datore di lavoro ha l’obbligo di effettuare la valutazione rischio rumore, tenendo conto di:

  • il livello, il tipo e la durata dell’esposizione, ivi inclusa ogni esposizione a rumore impulsivo
  • i valori limite di esposizione e i valori di azione
  • tutti gli effetti sulla salute e sulla sicurezza dei lavoratori particolarmente sensibili al rumore
  • per quanto possibile a livello tecnico, tutti gli effetti sulla salute e sicurezza dei lavoratori derivanti da interazioni fra rumore e sostanze ototossiche connesse con l’attività svolta e fra rumore e vibrazioni
  • tutti gli effetti indiretti sulla salute e sulla sicurezza dei lavoratori risultanti da interazioni fra rumore e segnali di avvertimento o altri suoni che vanno osservati al fine di ridurre il rischio di infortuni
  • le informazioni sull’emissione di rumore fornite dai costruttori dell’attrezzatura di lavoro in conformità alle vigenti disposizioni in materia
  • l’esistenza di attrezzature di lavoro alternative progettate per ridurre l’emissione di rumore
  • il prolungamento del periodo di esposizione al rumore oltre l’orario di lavoro normale
  • le informazioni raccolte dalla sorveglianza sanitaria, comprese quelle reperibili nella letteratura scientifica
  • la disponibilità di dispositivi di protezione dell’udito

Per preventivi o maggiori informazioni, compila il modulo:

Lascia i tuoi contatti, un nostro consulente ti risponderà rapidamente!

Nome*

Azienda*

Provincia*

Telefono*

Email*

Messaggio*

Le informazioni sopra riportate (azienda, provincia e telefono), sono necessarie per permetterci di formulare una proposta commerciale, laddove richiesta. Cliccando su "Invia" riceverai maggiori informazioni sul servizio da te indicato (leggi l'informativa privacy completa).

Selezionando questa opzione accetti di ricevere la newsletter mensile. Potrai disiscriverti in ogni momento grazie al link presente in ciascuna email che ti invieremo.

Segnala questa pagina ad un amico