Privacy Policy

Addetto Antincendio e Gestione Emergenze


Addetto Antincendio: la Definizione

L'Addetto Antincendio è una figura espressamente prevista dall’attuale normativa antinfortunistica, ricompreso all’interno di quella squadra per la Gestione delle Emergenze, prevista dall’articolo 18 del D.Lgs. 81/08. L’Addetto Antincendio o, meglio, l’Addetto alla Lotta Antincendio è il lavoratore incaricato di attuare le misure di prevenzione incendi, della lotta antincendio e della gestione delle emergenze che da essa possono scaturire.
 

Vuoi essere contattato da un nostro Consulente?
Compila il modulo, riceverai tutte le informazioni richieste:

 

La Nomina dell’Addetto Antincendio

La designazione o nomina dell’Addetto Antincendio è un preciso obbligo che scaturisce dall’art. 18 del D.Lgs. 81/08, il quale indica gli obblighi del datore di lavoro e del dirigente.
Il numero dei lavoratori incaricati della lotta antincendio deve essere commisurato a quanto emerso dal DVR e dal Piano di Emergenza, dove previsto.
 
Il nominativo dell’Addetto Antincendio o degli addetti, a seconda dei casi, devono essere riportati nel DVR (Documento di Valutazione dei Rischi).
È doveroso ricordare come sempre l’art. 18 del D.Lgs. 81/08 richieda specificatamente che nell’affidare gli incarichi (fra cui quello di addetto antincendio, ndr) il Datore di Lavoro debba tenere nella dovuta considerazione le reali capacità e condizioni dei lavoratori che saranno destinatari di tali impegni. Infine, i lavoratori designati alla lotta antincendio non possono rifiutare la nomina, se non per gravi e giustificati motivi.
 

I Compiti dell’Addetto Antincendio

Ricordiamo che la lotta antincendio passa per una formazione anticendio a cui il lavoratore incaricato ha diritto per legge. Il corso è diverso a seconda del livello di rischio presente in azienda (basso, medio o alto), ma in generale, tende ad inculcare nei discenti nozioni di base sull’incendio e la sua prevenzione, la protezione antincendio e le procedure da adottare in caso di incendio, accompagnate da un’esercitazione pratica finale.
 
Acquisito il giusto grado di consapevolezza e di abilità, il lavoratore dovrà far fronte ai compiti che l’incarico porta con sé. A cominciare dalla prevenzione: l’addetto può e deve svolgere questo tipo di attività, verificando le situazioni che si instaurano durante il suo turno lavorativo, agendo direttamente anche sul comportamento dei propri colleghi di lavoro.
 

Cerchi Maggiori Informazioni sui Corsi Antincendio? Vedi di seguito:

Vediamo, ora, i suoi compiti “operativi”.

Durante la normale attività lavorativa:
  • il controllo e la verifica dell’integrità sulle attrezzature antincendio presenti nel luogo di lavoro;
Durante un’emergenza:
  • una volta avvisato dell’emergenza in atto deve subito recarsi sul posto e valutare l’entità dell’emergenza;
  • se l’emergenza è di lieve entità, controllabile mediante l’uso di estintori, per esempio, deve adoperarsi per far rientrare la situazione;
  • nel caso in cui egli non riesca a controllare l’evento deve dare immediatamente inizio alla procedura di evacuazione, attivando il dispositivo acustico per la segnalazione di allarme o dando istruzioni ad altri per agire in merito;
  • avvisare gli addetti alle chiamate di emergenza (di solito il centralino) chiedendo di allertare i soccorsi esterni;
  • agire su valvole e interruttori per inibire il flusso di gas pericolosi e/o corrente elettrica;
  • isolare il luogo in cui sta avvenendo l’emergenza, assicurandosi dell’effettiva chiusura delle porte tagliafuoco;
  • aiutare le persone presenti ad evacuare, in special modo, uno o più addetti devono occuparsi delle persone con visibilità o mobilità ridotta e assicurarsi che tutti raggiungano il punto di ritrovo;
  • verificare l’effettivo abbandono di tutti i locali, chiudendo a chiave le porte dietro di sé;
  • fare l’appello del personale, per accertarsi che tutti siano giunti al punto di ritrovo, in caso negativo iniziare le ricerche e informare i soccorsi esterni;
  • supportare i soccorsi esterni dando le informazioni del caso;
  • segnalare la fine dell’emergenza quando la situazione di pericolo è cessata;
  • chiedere la rimessa in esercizio degli impianti e la ripresa dell’attività, in seguito agli accertamenti sulla sicurezza degli impianti e dei fabbricati.

 

Per maggiori informazioni, compila il modulo:

Lascia i tuoi contatti, un nostro consulente ti risponderà rapidamente!

Nome*

Azienda*

Provincia*

Telefono*

Email*

Messaggio*

* Ho letto l'informativa privacy e autorizzo il trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs 196/03

Il regolamento degli estintori portatili

Il regolamento degli estintori portatili

La normativa di riferimento di questi strumenti, fondamentali, e sovente obbligatori, sul posto di lavoro. Gli estintori portatili devono possedere un corposo insieme di caratteristiche prima di essere omologati. Caratteristiche definite chiaramente sia dalla normativa italiana, sia da quella comunitaria. Regolamento estintori: la normativa europea Gli estintori

Leggi tutto

Cos’è la Prova di Evacuazione?

Cos’è la Prova di Evacuazione?

La Prova di Evacuazione è un obbligo introdotto dal Decreto Ministeriale del 10/03/1998 “Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell’emergenza nei luoghi di lavoro”, che evidenzia le modalità ed i tempi in cui deve essere effettuata la prova di evacuazione. Successivamente, l’Art. 18 del

Leggi tutto

Segnala questa pagina ad un amico