Privacy Policy Il Medico Competente: Chi è, i Compiti, la Nomina e i Requisiti

Medico Competente

 

Chi è il Medico Competente?

Il Medico Competente, inizialmente indicato con il termine di “medico di Fabbrica”, a cui negli anni ha fatto seguito la dizione “medico del lavoro” è, secondo la definizione del D. Lgs. 81/08, il medico che possiede uno dei titoli e dei requisiti formativi e professionali di cui all'articolo 38 e che collabora con il Datore di Lavoro.
 

I Compiti del Medico Competente

Dalla collaborazione con il Datore di Lavoro scaturiscono una serie di incombenze che sono a carico del MC, in primis la valutazione dei rischi. A seguire la sorveglianza sanitaria che, se necessario, deve essere implementata dal Medico Competente.
 
I compiti del Medico Competente, però, non si esauriscono qui: quando è presente, il MC viene consultato dal Datore di Lavoro in seno ai DPI necessari ai fini della protezione dei lavoratori. Il mantenimento dell’integrità psico-fisica dei lavoratori, poi, e l’attività di informazione e formazione nei loro confronti (per quanto di competenza), insieme all’organizzazione del servizio di primo soccorso costituiscono ulteriori compiti che fanno capo a questa figura. A cui si aggiunge la collaborazione per l’attuazione e valorizzazione di programmi volontari di “promozione della salute”, secondo i principi della responsabilità sociale.
 
Nei casi in cui si renda necessaria la sorveglianza sanitaria, invece, il Medico Competente ha l’obbligo di istituire, aggiornare e custodire una cartella sanitaria di rischio per ogni lavoratore che sia oggetto di sorveglianza. La tenuta della cartella è sotto la diretta responsabilità del medico e deve essere conservata presso il luogo di custodia concordato al momento della nomina del medico competente, garantendo il segreto professionale circa i suoi contenuti.
 
Nel momento in cui cessa il rapporto di lavoro di un lavoratore, il Medico Competente è tenuto a consegnare a quest’ultimo una copia della cartella sanitaria e di rischio, mentre consegna l’originale al Datore di Lavoro che dovrà conservarla secondo le disposizioni di legge.
 
Anche la partecipazione alla riunione periodica fa parte dei compiti del Medico Competente, all’interno della quale egli è tenuto a rendere noti, in forma assolutamente anonima, i risultati collettivi della sorveglianza sanitaria e ad indicare i provvedimenti da adottare.
 
Chiude l’insieme degli obblighi la visita agli ambienti di lavoro. che il MC deve effettuare almeno una volta l’anno o con cadenza diversa, in base ai dati emersi dalla stesura del DVR.
 

La Nomina del Medico Competente

La nomina del Medico Competente è uno degli obblighi che la normativa vigente pone in capo ai Datori di Lavoro. Datori di Lavoro a capo di aziende che, per la presenza di determinati rischi (videoterminalisti con più di 20 ore/settimana di permanenza davanti ai monitor, sostanze chimiche, movimentazione dei carichi) hanno l’obbligo di sottoporre i lavoratori a sorveglianza sanitaria. Va anche detto che, in funzione dell’art. 25 del D.Lgs. 81/08, oggi, le autorità governative propendono per una nomina del MC in ogni caso.

Il MC può essere:

  • un libero professionista;
  • un dipendente del datore di lavoro
  • un dipendente o collaboratore di una struttura esterna pubblica o privata, convenzionata con l’imprenditore.

I Requisiti del Medico Competente

Ovviamente, ricoprire il ruolo di Medico Competente richiede il possesso di determinati requisiti che sono (in alternativa fra loro):

  1. la specializzazione in medicina del lavoro o in medicina preventiva dei lavoratori e psicotecnica;
  2. la docenza in medicina del lavoro o in medicina preventiva dei lavoratori e psicotecnica o in tossicologia industriale o in igiene industriale o in fisiologia e igiene del lavoro o in clinica del lavoro;
  3. specializzazione in igiene e medicina preventiva o in medicina legale.
  4. possedere l’autorizzazione di cui all'articolo 55 del decreto legislativo 15 agosto 1991, n. 277;

È obbligatoria anche la partecipazione al programma triennale di educazione continua in medicina.

Redazione del DVR: come scrivere il Documento Valutazione Rischi

Redazione del DVR: come scrivere il Documento Valutazione Rischi

Documento di Valutazione dei Rischi: chi lo redige? Il  DVR, acronimo di Documento di Valutazione dei Rischi, è la “carta di identità dei rischi” dell’azienda. Di fatto, il documento nasce dall’analisi dei rischi presenti in azienda, dovuti al tipo di attività effettuata, agli ambienti e agli eventuali

Leggi tutto

Riunione Periodica: cos’è e a cosa serve

Riunione Periodica: cos'è e a cosa serve

Cos’è la Riunione Periodica? L’art. 35 del D.Lgs. 81/08 (Testo Unico in materia di Sicurezza sul Lavoro), fornisce chiare indicazione relativamente la Riunione Periodica. La riunione periodica rappresenta un momento estremamente importante per il Datore di Lavoro, ai fini della prevenzione di rischi, infortuni e malattie professionali

Leggi tutto

Segnala questa pagina ad un amico