Nomina RSPP: i requisiti, come avviene, chi può essere nominato

La Nomina RSPP (il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione) è necessaria in ogni azienda, in quanto si tratta di una figura aziendale obbligatoria (ai sensi del D.Lgs 81/2008), il cui compito è quello di organizzare e gestire il sistema della prevenzione e protezione, ovvero l’insieme delle persone, sistemi e mezzi esterni o interni all’azienda finalizzati all’attività di prevenzione e protezione dai rischi professionali per i lavoratori.
 

Vuoi maggiori informazioni sulla Nomina RSPP?
Compila il modulo, riceverai tutte le informazioni richieste:

Chi può essere nominato RSPP?

A seconda dei casi, la funzione di RSPP può essere esercitata dal:

  • lavoratore scelto personalmente dal datore di lavoro per le sue specifiche competenze;
  • professionista esterno esperto in sicurezza aziendale;
  • datore di lavoro.

Va evidenziato che il datore di lavoro può svolgere in prima persona il ruolo di RSPP Datore di Lavoro solo in caso di aziende:

  • artigiane o industriali, con un massimo di 30 lavoratori;
  • agricole o zootecniche, che occupano fino a 10 dipendenti;
  • ittiche, con un limite di 20 lavoratori;
  • altri settori, fino a 200 dipendenti.

Il datore di lavoro che diventa RSPP deve seguire una apposita formazione per RSPP Datore di Lavoro della durata minima di 16 ore e massima di 48 ore, in base al natura del rischio presente in azienda, e seguire un corso di aggiornamento RSPP ogni 5 anni.

Chi nomina il RSPP

Il datore di lavoro è obbligato a nominare il RSPP nel rispetto della normativa prevista e rimanendo comunque il primo e principale destinatario degli obblighi di assicurazione, sorveglianza delle misure e dei DPI antinfortunistici. Pertanto, anche nel caso in cui un nomini un RSPP esterno, la responsabilità rimane a carico del datore di lavoro.

nomina rspp

Come avviene la Nomina RSPP

La nomina del RSPP è l’atto con il quale si imposta, si pianifica e si avvia il sistema di prevenzione aziendale a tutela della integrità fisica e morale del lavoratore. La nomina avviene per mezzo di un modulo che assegna l’incarico a un soggetto definito. Tale modulo, compilato, datato e firmato dalle parti deve essere conservato in azienda insieme al Documento di Valutazione dei Rischi. Il documento di nomina dell’RSPP deve essere controfirmato dal RLS (Rappresentanti dei Lavoratori per la sicurezza), che può porre il veto sulla scelta di una determinata persona.

Requisiti per essere nominati RSPP

I requisiti che deve possedere un lavoratore per ricevere la nomina di RSPP in azienda vengono indicati in questo articolo e sono:

  • devono essere adeguati ai rischi dell’azienda in cui opera;
  • per ricevere la nomina a RSPP bisogna avere un titolo di studio non inferiore al diploma di istruzione secondaria e l’attestato di frequenza con verifica dell’apprendimento a corsi di formazione specifici sui rischi, compresi quelli da stress lavoro correlato e di natura ergonomica;
  • si può essere nominati RSPP anche se non si è in possesso del titolo di studio indicato, ammesso che si possa provare di aver svolto i compiti richiesti da almeno sei mesi alla data del 13 agosto 2003;
  • negli istituti di istruzione, di formazione professionale e universitari e nelle istituzioni dell’alta formazione artistica e coreutica la nomina dell’RSPP avviene scegliendo fra il personale interno all’unità scolastica o fra il personale interno a una unità scolastica in possesso dei requisiti e che si dichiari disponibile ad operare in una pluralità di istituti. In assenza di personale adeguato o disponibile ci si può avvalere di un RSPP esterno;
  • chi viene nominato RSPP è tenuto a frequentare ogni 5 anni un corso di aggiornamento di durata diversa a seconda del grado di rischio valutato in azienda.

Quanti RSPP può avere un’Azienda?

Il datore di lavoro può procedere alla nomina di un solo Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione al fine di rendere efficace ed effettiva la politica aziendale di sicurezza e igiene del lavoro, che deve essere unica. Non è consentito, quindi, ad un datore di lavoro procedere alla nomina di più RSPP.

Tuttavia, il datore di lavoro potrà integrare il servizio di prevenzione e protezione affiancando a un RSPP uno o più Addetti al Servizio di Prevenzione e Protezione (ASPP), figure professionali in possesso di caratteristiche tecniche specifiche per aiutare il responsabile nel coordinamento delle attività.

Le sanzioni

In caso di mancata nomina o mancata formazione del RSPP sono previste per il datore di lavoro le seguenti sanzioni:

  • arresto da tre a sei mesi;
  • ammenda da 2.740,00 a 7.014,40 euro.

Per maggiori informazioni, compila il modulo:

Lascia i tuoi contatti, un nostro consulente ti risponderà rapidamente!

Nome*

Azienda*

Provincia*

Telefono*

Email*

Messaggio*

Le informazioni sopra riportate (azienda, provincia e telefono), sono necessarie per permetterci di formulare una proposta commerciale, laddove richiesta. Cliccando su "Invia" riceverai maggiori informazioni sul servizio da te indicato (leggi l'informativa privacy completa).

Selezionando questa opzione accetti di ricevere la newsletter mensile. Potrai disiscriverti in ogni momento grazie al link presente in ciascuna email che ti invieremo.